il Punto Coldiretti

Parlamento Ue: biocarburanti, no al cambio di destinazione d’uso dei terreni

Il Parlamento europeo ha approvato  nei giorni scorsi nuovi vincoli sulle energie rinnovabili. In particolare è stato riaffermato il ruolo strategico dei biocarburanti di seconda generazione nella riduzione dell’impronta di carbonio dei trasporti.

L’Europarlamento ha stabilito che dal 2030 non saranno più presi in considerazione ai fini degli obiettivi Ue nel campo delle energie rinnovabili i biocarburanti di prima generazione che  rischiano di  determinare – sostiene il Parlamento Ue - un “cambiamento indiretto di destinazione dei terreni" cioè la conversione dei terreni  “da coltivazioni non agricole - come i pascoli e le foreste - a produzione alimentare, causando un aumento delle emissioni di Co2”.

Per questo  dal 2019, il contributo dei biocarburanti di prima generazione a questi obiettivi sarà gradualmente eliminato fino a raggiungere quota zero nel 2030.

Si disincentivano così gli investimenti nella nuova produzione di biocarburanti per le colture alimentari per spingere sui biocarburanti avanzati.

Registrato presso il Tribunale Civile di Roma, Sezione per la Stampa e l'Informazione al n. 367/2008 del Registro della Stampa. Direttore Responsabile: Paolo Falcioni.
2008 © Copyright Coldiretti - powered by BLUARANCIO S.p.A. | Redazione contenuti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi