il Punto Coldiretti

Epaca, con i Patronati d’Italia, chiede ristori per sostenere la crisi Covid 19

Il patronato Epaca Coldiretti, in una lettera inviata con gli altri Patronati d’Italia ai ministri del Lavoro, Nunzia Catalfo e dell’Economia, Roberto Gualtieri, ha chiesto l’inserimento nel prossimo decreto Ristori di un intervento a favore del sistema dei patronati colpiti dalla crisi innescata dalla pandemia. Il rischio denunciato, a causa del calo degli stanziamenti per finanziare gli istituti per effetto delle minori entrate contributive dovute al rallentamento delle attività economiche, è che possa essere compromessa l’operatività di un servizio che – si legge nella lettera – “si è già dimostrato essere un efficace strumento di coesione sociale e di particolare utilità per i cittadini in un momento così delicato” e che ha garantito l’inoltro di centinaia di migliaia di istanze per gli Autonomi Agricoli (bonus 600 euro ecc.) senza ricevere alcun compenso, nel corso del 2020.

La proposta di intervento trasmessa ai due ministri prevede un incremento di 56 milioni degli specifici stanziamenti iscritti per il 2021 nello stato di previsione del ministero del Lavoro per il finanziamento dei patronati e la rideterminazione nella misura dello 0,226 per cento dell’aliquota di prelevamento a valere sul gettito dei contributi previdenziali incassati nel 2020.

Si tratta di riportare questa percentuale di prelievo a quella originale prevista dalla legge 152/2001, che è stata progressivamente diminuita, nonostante nel corso degli anni le attività di competenza dei patronati siano sempre state ampliate.

 

 

 

Registrato presso il Tribunale Civile di Roma, Sezione per la Stampa e l'Informazione al n. 367/2008 del Registro della Stampa. Direttore Responsabile: Paolo Falcioni.
2008 © Copyright Coldiretti - powered by BLUARANCIO S.p.A. | Redazione contenuti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi