il Punto Coldiretti

Prandini: includere l’agroalimentare nei progetti del Recovery Fund

L’agroalimentare va incluso nei progetti strategici da realizzare con le risorse del Recovery Fund. E soprattutto bisogna spendere i 209 miliardi assegnati all’Italia  per evitare di restituire  i fondi a Bruxelles e consentire ad altri partner di investire utilizzando i soldi non utilizzati dal nostro Paese,come è già accaduto nel passato. E’ l’appello che il presidente Ettore Prandin ha lanciato nel suo intervento a Cibus Forum.

Si tratta di finanziamenti importanti che devono coinvolgere anche l’agroalimentare. Per questo Prandini sta facendo pressing sul Governo per dribblare l’orientamento che serpeggia. Dal momento che c’è un budget ad hoc per l’agricoltura si  punta a escludere l’agroalimentare dal fondo  di 209 miliardi per riservarlo ad altri settori. Si tratta di risorse che invece potrebbe sostenere la filiera e il presidente di Coldiretti ha chiesto anche di togliere i limiti degli aiuti di Stato. "Chi ha progetti – ha aggiunto - deve presentarli in modo semplificato”.

Per l’organizzazione agricola va colta l’occasione del Recovery Fund per  superare il gap delle infrastrutture, dai trasporti alla logistica fino alle energie rinnovabili, che  penalizza le produzioni agroalimentari nazionali. “Serve una maggiore pianificazione per il trasporto merci su rotaia e per le infrastrutture via mare” tenendo conto che l’Italia è al settimo/ottavo posto nell’Unione europea. Prandini   ha detto che occorre superare le limitazioni della filiera coinvolgendo anche tutta la Grande distribuzione organizzata.

E poi ancora, spazio all’internazionalizzazione, agli investimenti in nuovi mercati, ma senza trascurare quelli consolidati come gli Stati Uniti dove l’Italia è forte, ma restano alcuni  stati ”dove ancora non ci siamo”. E infine il taglio del costo del lavoro:” bene le misure nel Mezzogiorno, ma le criticità ci sono anche al Nord, l’intervento non va fatto in zone geografiche, ma in tutto il paese”.

Registrato presso il Tribunale Civile di Roma, Sezione per la Stampa e l'Informazione al n. 367/2008 del Registro della Stampa. Direttore Responsabile: Paolo Falcioni.
2008 © Copyright Coldiretti - powered by BLUARANCIO S.p.A. | Redazione contenuti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi