il Punto Coldiretti

Federpensionati Coldiretti: “E’ ora di affrontare i problemi previdenziali in agricoltura”

Quasi 1.730.000 coltivatori diretti pensionati, di cui circa il 70% con pensioni inferiori o integrate al minimo di 460 euro al mese, stanno vivendo un periodo estremamente difficile. A denunciarlo è la Federpensionati Coldiretti, sulla base dei dati riportati dal bilancio consuntivo dell’Inps per il 2011 dove, fra l’altro,  incominciano a farsi sentire anche i tagli dovuti dal sistema misto e dal contributivo puro.

“I nostri pensionati - sottolinea il presidente di Federpensionati, Antonio Mansueto - comprendono la difficile situazione del Paese ma non possono tacere sull’insostenibilità sociale della situazione dei coltivatori pensionati e delle loro famiglie, sulle quali si vanno sempre più scaricando i disservizi e le insufficienze dell’intervento pubblico”.

Da qui la necessità di intervenire per recuperare il potere di acquisto delle pensioni più basse; eliminare ogni forma di discriminazione fra lavoratori dipendenti ed autonomi anche per quanto attiene gli assegni familiari; erogare un contributo di sostegno per le famiglie che si fanno carico di accudire in casa gli anziani con disabilità e/o non autosufficienza;  definire i livelli essenziali di assistenza previsto dalla Legge 328/2000; potenziare i servizi di prevenzione presso gli ambulatori di medicina generale allo scopo di assicurare, agli anziani a basso reddito, gli accertamenti diagnostici in forma ambulatoriale, con innegabile riduzione delle liste di attesa, dei ricoveri in ospedale e della spesa sanitaria.

Registrato presso il Tribunale Civile di Roma, Sezione per la Stampa e l'Informazione al n. 367/2008 del Registro della Stampa. Direttore Responsabile: Paolo Falcioni.
2008 © Copyright Coldiretti - powered by BLUARANCIO S.p.A. | Redazione contenuti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi