il Punto Coldiretti

Semine 2018: più frumento tenero, meno grano duro e mais

Più frumento tenero, orzo e avena, meno grano duro e mais. E il quadro che  emerge dalle “intenzioni di semina” relative  al 2018 presentate dal ministero delle Politiche agricole in occasione del tavolo cerealicolo. Rispetto al 2018 è aumentata  del 4,5% la superficie investita a frumento tenero con punte del 5,8% nel Nord Est (+4,8% il Centro). Giù invece dell’1,8% il frumento duro, ma con un incremento delle superfici nel Nord-Ovest (+9,4%) e Nord-Est (+6,1%), mentre in contrazione sono Sud e Isole (-3,1%) e Centro (- 0,3%).

In flessione dell’1,7% anche le superfici a mais, con cali accentuati al Sud  (-7,1%). Segni negativi per il riso (-4,5%) e il girasole con una contrazione del 7,6%  concentrata  nell’Italia centrale (-11,8%).  La soia si ferma a -1,4%.  Le intenzioni di semina segnalano un incremento del 4,3% per l’avena, trainata da Sud e isole (+5,8%) e dell’orzo  (+ 2,8%).

Per quanto riguarda il mais, durante l'incontro è stata evidenziata la crisi del settore con una superficie che negli ultimi anni è calata del 50%. Una situazione che ha portato oggi ad acquistare sui mercati esteri oltre il 60% del mais consumato in Italia. La Coldiretti sottolinea che il 2017 è stato l'anno più difficile, a causa anche dell'estate calda e siccitosa. Le rese sono crollate del 15% rispetto al 2016 e del 6,7% rispetto alla media degli ultimi 5 anni.  Le superfici per le prossime semine, spinte da un mercato in continuo ribasso, vengono così stimate in calo e portano il tasso di approvvigionamento al minimo storico.

Tenuto conto del fatto che la superficie destinata alla produzione di biogas e silomais si aggira attorno ai 98.000 ettari, la superfice coltivata ad uso mangimistico e alimentare scende a 550.000 ettari circa. Tutto questo sta mettendo in serio pericolo le produzioni italiane Dop i cui disciplinari come prevedono che la materia prima provenga da allevamenti che hanno alimentato i bovini con almeno il 50% di mais di origine nazionale. Le problematiche della filiera maidicola saranno al centro di un tavolo specifico in programma al Mipaaf il prossimo 15 marzo.

Registrato presso il Tribunale Civile di Roma, Sezione per la Stampa e l'Informazione al n. 367/2008 del Registro della Stampa. Direttore Responsabile: Paolo Falcioni.
2008 © Copyright Coldiretti - powered by BLUARANCIO S.p.A. | Redazione contenuti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi